11 GIUGNO 2017

MANGIABEVALENTA

passeggiata enogastronomica

Vivi i sentieri, i vigneti ed i borghi d’Oltrepò Pavese tra i Comuni
di Canneto Pavese, Montescano e Castana.

11 GIUGNO 2017

MANGIABEVALENTA

passeggiata enogastronomica

Vivi i sentieri, i vigneti ed i borghi d’Oltrepò Pavese tra i Comuni
di Canneto Pavese, Montescano e Castana.

edizione
“Riscopri la lentezza e abbandona per un giorno
la velocità del mondo sempre in corsa.”

MANGIABEVALENTA

Una piacevole passeggiata attraverso i sentieri, i vigneti e i borghi d’Oltrepò.
Un appuntamento gioioso per stare insieme.
In tutti borghi e lungo il cammino, musica popolare, appassionati di storia ed arte che raccontano le bellezze storico-artistiche, laboratori di artigianato, di cucina e tanto altro ancora animeranno la MangiaBevaLenta.
L’evento prevede cinque soste accompagnate dalle portate di un pranzo della tradizione pavese e rallegrate da canti e musiche popolari.
‘I Sapori d’Oltrepò ad ogni passo della natura.’

LA FILOSOFIA

MangiaBevaLenta. Lenta perchè? 
Perchè, in un mondo sempre più votato alla velocità,
camminare lentamente e degustare è utile per vivere al meglio la giornata
ammirando ed apprezzando a fondo tutto ciò che ci circonda,
riscoprendo il gusto delle piccole cose, per recuperare energia.

IL PERCORSO

5 TAPPE per un pranzo “itinerante” lungo un piacevole percorso naturale tra le colline
e i paesaggi immersi nel verde per apprezzare i profumi, i colori, i sapori e i dolci contorni.
La ‘MangiaBevaLenta’ 2017 si snoda su un tracciato circolare di c.a. 10 Km
che attraversa il territorio di Montescano e Castana, con partenza e arrivo a Canneto Pavese.
La storia, la natura, le passeggiate, l’arte, il cibo, il vino, il tutto si ricompone
in un unico richiamo, in un’unica intensa emozione che lascia ricordi indelebili.
‘Passeggia lentamente e assapora l’Oltrepò’.

I PREMI

PREMIO ALL’ECCENTRICITÀ
Ti piace essere eccentrico? O desideri per un giorno lasciarti andare ad una piccola follia? Partecipa alla MangiaBevaLenta 2017 e sarai premiato.
PREMIO al GRUPPO PIU’ FESTOSO ALLEGRO e GIOIOISO
Iscrivetevi alla Mangiabevalenta con un bel gruppo di amici, quello più festoso riceverà un premio gustoso!

PROGRAMMA

Ritrovo tra le ore 10.00 e le ore 11.00 a Canneto,
centro sociale Cesare Chiesa, via Roma, 13.
Arrivo stimato ore 16.00.
Ad ogni piatto verrà abbinato l’immancabile vino dell’Oltrepò.

PARTENZA Canneto Pavese – Infopoint – Ritiro Ticket
Centro Sociale Cesare Chiesa, Via Roma, 13
Verrà offerta focaccia tipica d’Oltrepò e dell’acqua minerale.
Km da percorrere: 1,6

1° TAPPA Canneto Pavese – Morsinga
Selezione di salumi nostrani accompagnati dalla buona Micca oltrepadana – Stuzzicherie d’Oltrepò.
Km da percorrere: 2,5

2° TAPPA Montescano
Agnolotti al brasato, conditi con il sugo di brasato.
Km da percorrere: 1,9

3° TAPPA Castana – Parco Comunale
Grigliata di carni autoctone, profumata con un mix di erbe aromatiche – Patate d’Oltrepò fritte.
Km da percorrere: 1,3

4° TAPPA Castana – Casa Crivellini 
Degustazione di formaggi tipici con marmellate casalinghe.
Km da percorrere: 1,9

5° TAPPA – ARRIVO Canneto Pavese – Parco Comunale
Frutta, assortimento di dolci, caffè
Km tot percorsi: 10

ANIMAZIONE E FOLKLORE

MORSINGA

Giovanni e Paolo, Gruppo Folk

CASTANA
Gianni Musica Popolare, 

Laboratorio Schita ore 13.30 / 14.30 

MONTEVENEROSO – CHIESA
Laboratorio del Legno, Sculture 

CANNETO
Laboratorio Dolci dalle 15.30 / 16.30 

Laboratorio di Liuteria
e Costruzione Strumenti

BUS NAVETTA

A disposizione per chiunque ne abbia bisogno durante il percorso.

Tel. 320.8374613

PROGRAMMA

Ritrovo tra le ore 10.00 e le ore 11.00 a Canneto,
centro sociale Cesare Chiesa, via Roma, 13.
Arrivo stimato ore 16.00.
Ad ogni piatto verrà abbinato l’immancabile vino dell’Oltrepò.

PARTENZA Canneto Pavese – Infopoint – Ritiro Ticket
Centro Sociale Cesare Chiesa, Via Roma, 13
Verrà offerta focaccia tipica d’Oltrepò e dell’acqua minerale.
Km da percorrere: 1,6

1° TAPPA Canneto Pavese – Morsinga
Selezione di salumi nostrani accompagnati dalla buona Micca oltrepadana – Stuzzicherie d’Oltrepò.
Km da percorrere: 2,5

2° TAPPA Montescano
Agnolotti al brasato, conditi con il sugo di brasato.
Km da percorrere: 1,9

3° TAPPA Castana – Parco Comunale
Grigliata di carni autoctone, profumata con un mix di erbe aromatiche – Patate d’Oltrepò fritte.
Km da percorrere: 1,3

4° TAPPA Castana – Casa Crivellini 
Degustazione di formaggi tipici con marmellate casalinghe.
Km da percorrere: 1,9

5° TAPPA – ARRIVO Canneto Pavese – Parco Comunale
Frutta, assortimento di dolci, caffè
Km tot percorsi: 10

ANIMAZIONE E FOLKLORE

MORSINGA

Giovanni e Paolo, Gruppo Folk

CASTANA
Gianni Musica Popolare, 

Laboratorio Schita ore 13.30 / 14.30 

MONTEVENEROSO – CHIESA
Laboratorio del Legno, Sculture 

CANNETO
Laboratorio Dolci dalle 15.30 / 16.30 

Laboratorio di Liuteria
e Costruzione Strumenti

BUS NAVETTA

A disposizione per chiunque ne abbia bisogno durante il percorso.

Tel. 320.8374613

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA PRIMA COLLINA

I tre comuni di Canneto Pavese, Castana e Montescano sono parte integrante del territorio dell’Oltrepò Pavese.  Si trovano nella prima collina a ridosso del comune di Broni e delimitata, a est, dalla Valle Versa e ad ovest dalla Valle Scuropasso. Confinante con i comuni  di Cigognola e Stradella, l’Unione dei Comuni dista poche decine  di chilometri dai principali centri urbani della zona: Milano (Km.60), Pavia (Km. 24), Piacenza (Km.41).

I tre comuni contano, insieme, una popolazione di 2.518 abitanti e una superficie di 13,38 Kmq, di cui la maggior parte è area agricola dedicata, in particolare, alla viticoltura.

Canneto Pavese sorge in uno dei punti più panoramici dell’Oltrepò Pavese. E’ anche uno dei comuni che vantano la maggiore percentuale di superficie vitata nell’Oltrepò, il territorio che ha dato nome all’Ughetta e che si trova al centro della limitata zona di produzione del Sangue di Giuda e del Buttafuoco, i quali solo qui e in altri sei comuni limitrofi possono fregiarsi della DOC.
Da vedere:
  • Castello Candiani
    Uno dei più importanti dell’Oltrepò nei secoli passati, oggi, purtroppo, ne rimangono solo resti.
  • Chiesa di San Marcellino
    I resti di San Marcellino, situati lungo la strada sottostante l’attuale chiesa parrocchiale (dal cui sagrato è ben visibile il campanile), sono costituiti  da un corpo di fabbrica con volta a botte e il campanile baroccheggiante,  il tutto a mattoni a vista. L’edificio, del XIV secolo, venne quasi interamente ristrutturato tra gli anni 1610 e 1641.
  • Castello di Montuè
    Costruito nell’XI secolo in posizione strategica tra la rocca di Montalino e il castello di Cigognola, era un edificio grandioso. I pochi ruderi rimasti, che possono essere visitati, sono segnalati lungo la strada che da Broni porta al centro di Canneto.  Dopo aver resistito a secoli di devastazioni, venne demolito nel 1920 per ricavarne materiale da costruzione. Oggi, purtroppo, non ne rimangono  che i sotterranei, costruiti con mattoni a vista.
    Curiosità: si dice che possedesse 365 finestre, tante quanti i giorni dell’anno.
  • Castello Malpaga
    In posizione isolata sopra un’altura, a ovest di Canneto Pavese, all’interno della tenuta Malpaga, sorgono i resti di un castello forse del XIV secolo, inglobati in un corpo di fabbrica rimaneggiato e risultano costituiti da due manufatti contrassegnati da una torre in mattoni a vista, di recente edificazione, e da un edificio posto a sud che conserva ancora due contrafforti a basamento scarpato e cordonato.
  • Località Camponoce – Murales del Maestro Pietro Delfitto
    Sei riquadri che rappresentano le fasi di lavorazione del vino, dalla raccolta all’imbottiglimento. Voluto per onorare tutti i viticoltori dell’Oltrepò Pavese.
  • Pozzo di S. Antonio – fraz. Monteveneroso
    Porta lo stemma degli Arrigoni e di Filippo Maria Viscoti e le raffigurazioni di Sant’Antonio e San Rocco, eretto in valle Malaspina nel 1511.
Castana, paese dell’Oltrepò orientale il cui nome trae origine dai castagneti che probabilmente caratterizzavano le colline circostanti, è ubicato a 25 chilometri dal capoluogo provinciale e si estende tra la Val Versa e la Valle Scuropasso, a poco meno di 300 metri di quota. Attualmente Castana è nota per le sue pregiate produzioni vinicole, sono frutto dei suoi vigneti gli ottimi vini rossi quali Barbera, Bonarda, Buttafuoco, Rosso Oltrepò, e Sangue di Giuda.
Da vedere:
  • Chiesa di S. Andrea
    Oggi a tre navate (la pianta originale ne prevedeva una sola), conserva pregevoli dipinti e il ricordo di un curioso campanile storto, fatto poi abbattere per motivi di sicurezza e sostituito con uno “dritto”.
  • Castello Cardoli – De Ghislanzoni
    Al centro dell’abitato di Castana (in fondo alla via Castello) si trovano i resti del castello di origine medioevale che, edificato su un’altura in posizione dominante sulla valle, fece di Castana un importante nucleo strategico. Della struttura originaria del castello rimane poco, dato che venne quasi interamente ricostruito nel ‘700 e trasformato in palazzo signorile. Oggi è residenza privata.
    Curiosità: nelle vicinanze del castello si trova uno dei pozzi più profondi della zona (oltre 80 metri).
Tra i più piccoli comuni dell’Oltrepò Pavese, Montescano è collocato in posizione centrale nella Valle Versa. La sua superficie si estende sulla riva sinistra del torrente Versa, tra il fondovalle e  i comuni di Canneto Pavese e di Castana.
Il territorio di Montescano è quasi interamente coltivato a vigneti che producono rinomati vini DOC, quali Barbera, Bonarda, Buttafuoco, Riesling, Rosso Oltrepò, Pinot, Sangue di Giuda e Buttafuoco.
Da vedere:
  • Fontana Missaga
    La Fontana Missaga è l’unico testimone antico di Montescano, risale al 1700, ammodernata recentemente, è raffigurata anche nello stemma araldico del comune.
  • Chiesa Parrocchiale Madonna di Caravaggio
    Santuario dedicato alla Madonna di Caravaggio, sorto nel 1941 e sede parrocchiale dal 1944. Posta lungo la provinciale Stradella – Santa Maria della Versa, in località Pozzolo, la Chiesa parrocchiale di Montescano fu costruita nel 1941. Nel 1983 subisce un radicale restauro conservativo. Presenta una facciata divisa in tre scomparti, al centro dei quali spicca il finestrone contenuto, con il portale d’accesso, in un ampio intradosso.
    Semplice nella forma è il longilineo campanile.
  • I fossili di Montescano
    Presso il Palazzo Comunale è allestita la “Sala della Memoria e dellaCultura”, spazio espositivo permanente di alcuni oggetti repertati da Antonio Zucconi, ricercatore naturalista che nella valle del Monzone, ritrova nel 1989 un frammento di legno fossile e successivamente sulle colline di Montescano, scopre ancora legni fossili del Messianico, pezzi di roccia con impronte di foglie fossili, “sassi”… e suo è il merito degli ultimi ritrovamenti, un fossile di notevole dimensione scoperto in un canalone del rio Pulice ed una piccola ascia rituale preistorica, probabilmente del periodo neolitico.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
Adulti 25 euro
Ragazzi (8-17 anni) 18 euro
Bambini fino ai 7 anni gratis

Sconti
Ogni 10 partecipanti 1 biglietto omaggio.
Famiglie: 2 adulti e 2 bambini (8-16 anni) 80 euro

Iscrizioni aperte fino al 8 giugno.
I biglietti possono essere acquistati e/o ritirati alla partenza presso le casse dell’Infopoint di Canneto Pavese, centro sociale Cesare Chiesa, via Roma, 13. Pagamento in contanti.

Per prenotare compila i campi sottostanti.

Pagamento in contanti in loco. 

*I dati contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Con l'invio acconsento al trattamento dei dati personali nel rispetto di quanto stabilito dalla legge D.Lgs 196/03 e successive modifiche sulla tutela degli stessi.
captcha

Informazioni +39 338.1043501

Prenotazioni +39 0385.88021

info@mangiabevalenta.it